10-1
News

|Aspettando gli Oscar 2014| Il look delle attrici com’è cambiato negli anni: dall’ascella pelosa di Julia Roberts alla Jolie darkettona (FOTO)


Ci hanno fatto piangere, ridere, riflettere e sognare, talvolta anche tutto questo insieme. Ci hanno tenuto compagnia in serate in cui avevamo bisogno di uscire dai nostri panni per metterci in quelli di qualcun’altro, almeno per qualche ora, dopo una giornata pesante o semplicemente perchè ci andava.
Gli attori che ci hanno lasciati incollati allo schermo nell’ultimo anno, grazie alle loro magistrali interpretazioni, sono pronti per contendersi l’ambita statuetta degli Academy Awards, i celebri Oscar.
In attesa di vedere premiati e premiatori domenica 4 Marzo in diretta dal Kodak Theater di Los Angeles, ho trovato interessante notare come si è evoluto  il look delle celebrities che hanno calcato il celebre tappeto rosso negli ultimi anni.
E’ noto quanto sia importante per le attrici indossare un abito che catalizzi l’attenzione e lo è altrettanto per lo stilista che lo offre. Una vetrina ambita che spesso regala un poco felice rovescio della medaglia, ogni errore di stile immortalato resta nella storia.

Era il 1992 e Jodie Foster sceglieva di indossare due abiti Giorgio Armani che le portarono decisamente fortuna. L’abito carta da zucchero con ruches tipo Ferrero Rocher, sdrammatizzato dai capelli lasciati sciolti, non troppo elaborati, e dal make up semplice non è il peggiore visto nella storia dei red carpet. Al polso solo un bracciale di perle e nessun’ altro accessorio ad impreziosire la mise dell’attrice. Siamo ancora lontani dall’immagine eccessivamente perfetta che ha contraddistinto gli ultimi anni di red carpet agli Academy. C’è attenzione, ma non troppa, le attrici sono fiere di essersi distinte per le loro capacità. L’abito è importante, ma non fondamentale. E’ un “mezzo” ma non il “messaggio” (come direbbe McLuhan). Il connubio valore attrice/valore brand e successivo valore-attrice-Oscar e valore-campagna-pubblicitaria-brand è ancora allo stato embrionale.

Kate Winslet, nominata all’Oscar con Titaninc, veste ancora i panni di Rose (con il celebre diamante al collo) sebbene egregiamente firmati Alexander McQueen for Givenchy. Negli anni il look dell’attrice è diventato più semplice e raffinato, in linea con il suo fascino inglese d’altri tempi.

Cameron Diaz nel 2000 viene (s)vestita da Donatella Versace. Erano gli anni delle Spice Girl, vogliamo giustificare così la scelta di un look da discoteca, senza dubbio sexy grazie alla scollatura vertiginosa, ma poco consono ad una cerimonia così importante. Recupera pochi anni dopo con un abito di chiffon e organza firmato Prada che le sta divinamente.

Catherine Zeta Jones, nel 2003 (prima foto) e nel 2001 (seconda). Oltre a qualche chilo in più e ad un eccesso di lampade, rimane fedele al nero e agli abiti Versace. Non sbaglia., sebbene con gli anni affilerà gli artigli ed entrerà quasi sempre nella lista delle meglio vestite e più perfettine (e anche più magre) degli Academy.

Ne è passato di tempo e di botulino sul viso di Nicole Kidman, da quando fece la sua comparsa sul red carpet del Kodak Theater accanto a Tom Cruise in un abito firmato John Galliano per Christian Dior.
Nel frattempo, la Kidman ha cambiato marito e anche Galliano ha lasciato Dior, all’ultima edizione degli Oscar ha optato per un abito a sirena ricoperto di paillettes dorate e nere di L’Wren Scott. I difetti: Nicole non riesce a fare a meno di strizzare la sua silhouette, la vorremmo vedere un po’ più rilassata e con meno ansia di dimostrare che è una bella donna nonostante il tempo che passa.

Alzi la mano chi non si è vergognato almeno una volta di una qualche foto scattata in anni in cui il nostro stile non era troppo “felice”. Ecco, come Julia Roberts, che farebbe meglio ad abbassarla, evitando di mostrare un’ascella pelosa che purtroppo per lei è rimasta nella storia delle cadute di stile da red carpet più clamorose di sempre. Ma è così bella che le si perdona tutto, ed infatti da lì non è ha più sbagliata una.

Per concludere, guardate Angelina Jolie in versione Morticia e in quella cigno. Nella fase “darkettona” nessuno avrebbe scommesso che di lì a poco sarebbe diventata la donna più sexy del pianeta, e soprattutto che avrebbe trovato un minimo di gusto nel vestire. Certo, la sua immagine stereotipata con la coscia di fuori sull’ultimo red carpet, non è ancora sintomo di eleganza, ma ne apprezziamo il miglioramento rispetto agli esordi.

You Might Also Like...

No Comments

Leave a Reply

Newsletter Visualfashionist

Non perderti nessun post iscriviti alla newsletter!