visualfashionist
Diario

Sei sei o meno all’altezza di qualcosa, lo decidi solo tu

Sono molto orgogliosa del percorso fatto in questi anni, delle scelte giuste e anche degli errori, ma principalmente di un aspetto: il fatto di essermi messa in discussione fino in fondo, cercando di capire realmente quale fosse la mia strada, imparando a riconoscere le persone per quello che sono, non per quello che ti danno, e soprattutto a contare in primis sulle mie forze.

Ma non è stato sempre tutto facile, anzi affatto, e a chi spesso mi dice che appaio come una persona sicura e determinata, rispondo sempre che è il risultato di tanta “fatica”. In varie occasioni mi è capitato di sentirmi buttare giù da chi avevo accanto, spesso quelli che si nascondevano sotto i panni di amici erano i primi. “Crescersi la serpe in seno si dice di solito, no?” – esatto. Non scenderò nel dettaglio, né tanto meno nel raccontarvi i singoli eventi, perché non ce n’è bisogno ed è davvero meglio dimenticare (imparando la lezione).
La cosa essenziale da tenere bene a mente, è che questa tipologia di persona la si incontrerà sempre e ovunque, in qualsiasi tipo di ambiente, almeno una ce ne sarà. Non importa l’età, vedrete quanta gente frustrata c’è anche sul luogo di lavoro e, spesso, più anziana di voi.
Sul perché la gente a cui tu non hai almeno apparentemente, o anche solo consapevolemente, fatto qualcosa decida di buttarti giù o non farti sentire all’altezza di quello che fai, o a disagio in qualsiasi modo, gratuitamente, mi sono interrogata per diverso tempo.
Sono giunta ad una conclusione alquanto semplice: non stima se stessa e per sentirsi meglio deve denigrare gli altri, soprattutto se li teme. Soprattutto se queste persone mettono in rilievo, spesso senza far nulla ma solo con il loro modo di essere, tutto quello che invece loro non sono, ma a cui vorrebbero tanto somigliare.

Se vi capita di sentirvi buttare giù ingiustamente, potete stare tranquilli che qualcuno è infastidito da quello che fate o dite, perché vorrebbe essere al vostro posto, o comunque non vuole che ci siate voi. Quindi armatevi di pazienza e se è un amico o un conoscente prendetene pure le distanze, se invece non lo conoscete neanche o è ad esempio un collega di studio o lavoro, vuol dire che vi teme ed anche molto. Andate avanti per la vostra strada, e se sbaglierete o avrete volato troppo in alto, sarete sicuri di averlo fatto per “colpa” vostra, ma come si dice, camminare puntando alla luna, anche se non si raggiunge, significa per lo meno, essere stati tra le stelle.

You Might Also Like...

6 Comments

  • Reply
    Ilenia
    07/02/2018 at 2:24 pm

    Bel post, per niente scontato, che aiuta a riflettere sul contorno che ci costruiamo e sulle dinamiche della nostra quotidianità. Grazie

    • Reply
      Roberta Costantino
      07/02/2018 at 2:31 pm

      grazie mille Ilenia, un abbraccio!

  • Reply
    Alessia Pellegrini
    07/02/2018 at 9:23 pm

    Sono giunta alle tue stesse conclusioni: spesso chi giudica e critica lo fa per invidia o comunque sempre per insicurezza di se stesso. Certo a volte è facile buttarsi giù, soprattutto quando chi critica è qualcuno di “vicino”, emotivamente o professionalmente. Dovremmo tenere tutti bene a mente questi consigli!
    A rileggerci presto! =)
    Alessia

    • Reply
      Roberta Costantino
      09/02/2018 at 3:01 pm

      Esatto Alessia, il giudizio fine a se stesso non è mai di crescita per nessuno, soprattutto se chi lo emette è fermo e non fa nulla. È chiaro che chi si mette in discussione si espone, ma almeno fa qualcosa! 🙂
      un abbraccio
      Roberta

  • Reply
    Giada Perrozzi
    12/02/2018 at 10:55 am

    Cara Roberta, purtroppo capisco bene le tue parole..ci sono passata io come tutti e per troppo tempo mi sono “svalorizzata” per persone che volevano tutto tranne il mio bene. Ed oggi riparto da me, dalle mie passioni e dai miei sogni. Un abbraccio, Giada.

    • Reply
      Roberta Costantino
      12/02/2018 at 2:33 pm

      Giada l’importante è ripartire consapevoli di quello che si è, e sono sicura più forte di prima!
      un abbraccio e grazie di essere passata 🙂

      Roberta

    Leave a Reply