5
News Vita Digitale

Per essere una fashion blogger (professionista) occorre lavorare e studiare, come in ogni cosa

Non scrivo mai le mie impressioni sul mondo del fashion blogging. Non mi schiero nè a favore nè contro quello che vedo accadere intorno a me, essendo un “mondo” è molto vario ed appunto per questo è possibile incontrare, come in tutte le cose, il bello ed il brutto, scelte e “strategie” più o meno condivisibili. Come all’università o al lavoro vedete il raccomandato, o altra tipologia, soffiarvi il posto o il voto o il premio aziendale, idem in questo settore.

Ogni qualvolta mi trovo dinnanzi a situazioni “strane”, io semplicemente osservo e mi creo un’opinione al riguardo e continuo ad andare avanti per la mia strada.
La mia strada, sì, è quella che mi sono creata e costruita sola, mattoncino per mattoncino, con porte chiuse in faccia, tappeti tirati via mentre camminavo, ma anche mani che si tendono per farti rialzare, persone che credono in te, nonostante i numeri non siano quelli delle fashion blogger più famose, ma se per la passione e la qualità delle cose che si fanno ci fosse un contatore, sono sicura che potrei meritare un posticino in alto.
Quando ho aperto il blog, nel 2007, non era pensabile considerarlo un lavoro ma devo ammettere che, sin da subito, mi ha dato la possibilità di mostrare le mie capacità e la mia apertura verso i nuovi media, tant’è, che a farmi ottenere il mio primo lavoro, non è stato forse il 110 con cui mi sono laureata, ma il fatto che avessi un blog quando gli altri usavano ancora My Space.
Molto spesso, quando parlo con gli altri, soprattutto gli outsider del settore, amici, conoscenti, mi capita di sentirmi dire: “Beata te che vai agli eventi e poi anch’io vorrei aprirmi un blog solo per ricevere regali”.
Questa frase, sebbene detta senza malizia, mi lascia sempre un po’ di amaro in bocca. Gli inviti agli eventi e, soprattutto i “regali”, sono frutto di collaborazioni che nascono dopo che hai dedicato anni e ripeto anni, a curare il tuo blog e non solo quello.  

Nessuno ti manda niente per niente. Se qualcuno decide di credere in te è perchè il tuo blog vale. Mantenere un blog costantemente aggiornato è un lavoro a tempo pieno che vi assicuro spesso non è quantificabile con nessun regalo.

Quindi, cosa significa essere un fashion blogger professionista. Innanzitutto, credo che oggi siano in tante/tanti a decidere di aprire un blog a tavolino, con agenzia, fotografo, ghost writer e blogger scelta facendo i casting! Una pura scelta di marketing perchè in molti credono che il segreto del successo sia trovare una ragazza carina e farle foto in giro per il mondo con abiti griffati e magari creare una linea di costumi che porti il suo nome.  Questo non è assolutamente un modello di business valido in assoluto, a parer mio, e si può definire semplicemente marketing di un prodotto (in questo caso una ragazza scelta ad hoc che diventa il manichino di molti brand).
Il vero fashion blogger condivide il suo amore per la moda, le sue esperienze con shopping, acquisti o altro, dà consigli utili esprimendo sempre il suo punto di vista e poi, collabora con le aziende per far conoscere nuovi prodotti, recensirli, e via discorrendo.Ma da quì a farlo diventare un lavoro ci vuole molto altro: capacità, studio, aggiornamento, investimento di soldi, tantissimo tempo e passione.
E’ davvero un settore in cui dipende tutto dalle proprie capacità, che premia a volte i più furbi, ma altre i più bravi con contratti di lavoro che vanno oltre i “regali” o gli inviti ai party più esclusivi.Comunque, vi assicuro che vista la quantità di tempo che è necessaria per portarlo avanti, aldilà dei risultati, il blog è un lavoro a tempo pieno che in pochissimi casi diventa una fonte di guadagno, nonostante gli sforzi.Vengono aperti blog ora come ora, ogni secondo ma quanti di loro dureranno? Un blog può diventare un modello di business ma occorre avere le competenze per promuoverlo e gestirlo come tale e non basta fare due foto outfit per definirsi una fashion blogger.

Non c’è una formula magica, ogni percorso è individuale, l’unica cosa che so è che nella vita tanto facilmente si arriva alla meta, tanto meno i risultati saranno duraturi se ogni cosa che abbiamo ottenuto non è stata guadagnata. Ma questo vale per tutto, no?
Qualsiasi sia la vostra scelta, per lavoro o per passione nella vita, cercate la vostra strada e la vostra identità. Sbagliate, riprovate, aggiustate il tiro, ma non smettete mai di lavorare e di chiedervi se state facendo il massimo. E’ l’unica strada.
Nessuno ama i post troppo lunghi ed io, per paura di banalizzare, mi sto dilungando, quindi parlerò presto dell’argomento in un video, se avete domande o richieste scrivetemi una mail a visualfashionist@gmail.com o un messaggio privato sulla mia pagina Facebook quì, se posso esservi d’aiuto in qualche modo, lo faccio con piacere.
 
Dimenticavo, questo post è contornato da alcune foto che amo molto, per la luce, l’atmosfera serale estiva dei quartieri popolari romani e perchè a farmi sentire bella ci sei Tu dietro l’obiettivo. Le finestre aperte, la tv che parla nei salotti, mentre la voce metallica rimbalza sulle pareti dei palazzi tra i vicoli e le strade. E tutto d’un tratto la metropoli ti sembra più piccola e senti la genti vicina. Tutti abbiamo caldo e, cercando refrigerio sui balconi, ci guardiamo un po’ più intorno e meno dentro.
Vogliamo sentirci leggeri nei pensieri e nei movimenti, per questo ho scelto di indossare una gonna stile anni ’70 a righe (Ovs Industry), una camicia bon ton (Benetton) la mia pochette rossa preferita (Valentino Garavani), le scarpe Swedish Hasbeens che amo e a completare il tutto, donando all’outfit un incredibile tocco glamour, il bracciale e gli orecchini di Ottaviani Bijoux che potete acquistare comodamente on line quì, c’è l’imbarazzo della scelta.
Ti è piaciuto questo
post, potrebbe interessarti anche 

 

Seguimi
su Facebook
per scoprire i miei
acquisti, gli outfit ed i prodotti che sto testando e al mio canale per seguire i miei video!
Per sapere tutto sulla
moda e lo stile più di tendenza segui il mio sito

You Might Also Like...

15 Comments

  • Reply
    Riccardo Onorato
    09/07/2014 at 11:56 am

    Aspetto il video così puoi dilungarti! Amo chi si dilunga in concetti così interessanti!

    http://www.guyoverboard.com

    • Reply
      Roberta
      09/07/2014 at 12:35 pm

      grazie Riccardo, su questi argomenti c'è molto da dire! è ora di farlo anche per chi pensa il fashion blogging sia l' El Dorado del web 😉

      un abbraccio 😉
      Roberta

  • Reply
    ELISA
    09/07/2014 at 1:09 pm

    Sono d'accordo con Riccardo, hai fatto bene a dilungarti perchè hai detto cose giuste!
    Purtroppo molta gente non capisce l'impegno che c'è dietro ad un blog e questo a causa di molti che lo fanno senza serietà e solo per provare a raccattare omaggi qua e là (purtroppo ce ne sono tanti!)

    Nameless Fashion Blog

  • Reply
    Anonimo
    09/07/2014 at 1:50 pm

    https://www.facebook.com/pages/OOTD/670067446407282

    Send us yours best outfits!

  • Reply
    Manuela Muratore
    09/07/2014 at 8:42 pm

    argomentazione molto interessante!!!

    passa a trovarmi http://www.UnconventionalSecrets.it

    • Reply
      Roberta
      10/07/2014 at 7:37 am

      grazie Manuela 🙂
      Roberta

  • Reply
    Manuela Muratore
    10/07/2014 at 10:25 pm

    buon giovedì!!!! baci

    http://www.UnconventionalSecrets.it

  • Reply
    Carmen Vecchio
    11/07/2014 at 9:09 am

    questa gonna e' favolosa!
    http://www.mrsnoone.it
    kiss

    • Reply
      Roberta
      18/07/2014 at 7:32 am

      grazie mille! 🙂
      Roberta

  • Reply
    Nicky mywishstyle
    24/07/2014 at 4:25 pm

    ciao Roberta, condivido il tuo pensiero cara,
    ti mando un abbraccio

    • Reply
      Roberta
      25/07/2014 at 8:37 am

      Grazie, anche a te! 🙂
      Roberta

  • Reply
    La Pinta
    02/08/2015 at 1:20 pm

    Cara Roberta,
    sono rimasta piacevolmente stupita da quello che ho letto. "Allora esistono delle blogger che la pensano come me!" pensavo mentre leggevo il tuo post. Sono molto contenta che hai dedicato un intero post a questa faccenda perché per anni mi sono "sgolata" nel far capire che non è così semplice avere un blog e saperlo gestire. Io ho un blog da quasi 4 anni e mi autodefinisco una fashion blogger anticonvenzionale perché nonostante lavori nel mondo della moda e la maggior parte dei miei post ruotano attorno a questo campo, non seguo i parametri della tipica fashion blogger che, in cuor suo, vorrebbe essere più una modella che una blogger.
    A presto

    Giulia

    • Reply
      Roberta
      02/08/2015 at 6:28 pm

      Ciao Giulia,
      mi fa davvero piacere ti sia ritrovata nel mio percorso e discorso 😉

      un abbraccio e buona estate

      Roberta

    Leave a Reply