gilmore-girls
Tempo Libero

Una mamma per amica 8 su Netflix, il trailer e 5 motivi per guardarlo (di nuovo)

 

Una mamma per amica 8 -Tutte voi che siete atterrate su questo articolo avrete visto almeno una puntata della famosa serie tv statunitense Una mamma per amica (Gilmore Girls) – ideata da Amy Sherman-Palladino, con protagoniste Lauren Graham ed Alexis Bledel. Molto probabilmente – se avete Facebook è inevitabile – sarete anche venute a contatto con la notizia che il 25 novembre su Netflix andrà in onda l’ottava – attesissima – stagione.

Quando penso alla prima stagione di una Mamma per amica o Gilmore Girls, mi torna in mente subito la mia vita universitaria. Era il primo anno o il secondo che vivevo a Roma (2001-2002, dio quanto mi sento – sono – vecchia), e accendere la tv su Una Mamma per amica, era una sorta di coperta di Linus che riscaldava i grigi pomeriggi china a studiare, tra una pausa caffé e l’altra.
Ci sono vari aspetti che mi hanno fatto apprezzare questa serie tv, e mi piacerebbe sapere anche il vostro parere e vi dico perché vedere Una Mamma per amica 8

In primis, la sigla: impossibile non catapultarsi davanti alla tv, non appena si avvertivano in lontananza le prime note dolci e piene di parole di sostegno, in quella meravigliosa atmosfera autunnale che faceva da sfondo alle vicende delle giovani Rory e Lorelai.

Perché vedere la serie tv The Handmaid’s tale, la recensione

Diventare mamma da giovani: impossibile non immedesimarsi nei panni di Lorelai, mamma giovane, rimasta incinta “per sbaglio”ma che non si è mai pentita di aver deciso di cambiare per sempre la sua vita, nonostante le pressioni della famiglia “perbene”, nonostante l’immaturità, nonostante tutto con Rory accanto, contenta di aver scelto la vita che gli altri non si aspettavano da lei.

Il rapporto madre-figlia: Lorelai e la mamma Emily. Due donne diverse, che si scontrano, che a volte si fanno del male per proteggersi, ma che cercano in ogni modo di restare unite, nonostante tutto.

Il rapporto madra-figlia pt.2: Lorelai e Rory, tutto ruota attorno al loro rapporto; Rory è una ragazza intelligente e seria, dedita allo studio, ma non disdegna le emozioni e le nuove amicizie; Lorelai cerca in tutti i modi di non farle commettere i suoi stessi “errori”, a volte eccessiva, a volte consapevole di doverla lasciare crescere. Le due donne infatti crescono insieme, grazie soprattutto ad un rapporto fondato sul dialogo e il rispetto reciproco.

Stars Hollow: è il posto ideale in cui tutti vorremmo abitare, un piccolo paese (nella realtà non esiste, è un set cinematografico), ma dove tutti si conoscono e si sostengono, anche i personaggi più stravaganti non vengono lasciati mai soli.

L’amore: l’amore è il leitmotiv di questa serie. Ma a differenza delle serie banali in cui va tutto bene o ci sono scene eccessivamente surreali, qui grazie ai dialoghi. originali, brillanti, lo humor sottile, non ci si annoia, nonostante non ci siano grandi dinamiche o colpi di scena alla Narcos (sapete che io in realtà quando si tratta di serie tv prediliga questo genere).

Quando inizia Una Mamma per amica 8?

Ma torniamo ad oggi: Netflix dal 1° luglio 2016 aveva ripubblicato le precedenti sette stagioni di Una Mamma per amica, proprio in attesa della “mini-serie revival”, quella che tutti stiamo aspettando e di cui è stato appena pubblicato il trailer (delizioso) che vedete sotto. L’ottava stagione di Gilmore Girls – A year in the life – ci accompagnerà appunto in un anno di avventure con le fantastiche Gilmore Girls. Se solitamente cercavate lo streaming su Megavideo, ora potrete recuperare tutte le stagioni passate e vedere le puntate della stagione 8 abbonandovi a Netflix, che io stra-consiglio anche per tutto il resto dell’offerta riguardo le serie tv (e vi assicuro che non mi hanno pagata per scriverlo).

 

Curiosità dal set di Una Mamma per amica

Ecco qualche chicca rivelata dagli autori della serie durante la scorsa Fan Fest dedicata alla serie Gilmore Girls a Washington Depot

  • Ryan Gosling partecipò ai provini ma non convinse (e qui mi permetto di dire: errore gravissimo!)
  • Visto che le protagoniste parlano molto velocemente a volte le scene sono state girate più e più volte proprio perché non si capiva quello che dicevano (infatti, vederlo in lingua originale è una mission quasi impossible, ma ne vale la pena – con i sottotitoli).
  • Washington Depot è la cittadina che ha influenzato gli autori sull’ispirazione per la loro Stars Hollow
  • Melissa McCarty non era stata la prima scelta per il ruolo di Sookie, ma l’attrice Alex Borrstein – a cui era stata proposta la parte – aveva un altro contratto in quel momento.

Altri articoli che potrebbero interessarti sulle serie tv

You Might Also Like...

No Comments

Leave a Reply

Newsletter Visualfashionist

Non perderti nessun post iscriviti alla newsletter!