zara love your curves epic fail
Vita Digitale

Zara: love your curves e il caso di fail adv in cui sono gli utenti a farti il c**o

Zara: love your curves. Ci risiamo. Ennesima pubblicità “regresso”, brand che “amano le curve” e ti propinano due tizie che porteranno la 38 come taglia, che non c’è niente di male per carità, non demonizziamo la gente magra per favore, come non esaltiamo chi ha troppi chili e non è in salute. Ci sono quelle sane vie di mezzo, quella sana e robusta costituzione che fa tanto parmigiana dalla nonna la domenica e guance rosee, che ci piace di più.

Questa volta a finire sotto la lente d’ingrandimento c’è niente meno che Zara. Il colosso spagnolo del lowcost, nato per non vivere di pubblicità, ma che ora come H&M, ne fa, e pure tanta. I soldi sono arrivati, vagonate di soldi, ma talvolta non bastano neanche i migliori marketer o team adv per evitare di cadere nell’irriverente tranello della cazzata che fa subito il giro del web.

Epic fail e l’ironia del web che ci salva

La foto in questione è stata postata dalla giornalista Muireann O’Connell sul suo account Twitter ed è subito diventata virale.

 

Ora, non voglio tediarvi sugli aspetti comunicativi malversati in questo tanto banale scatto, quanto – appunto – totalmente privo di qualsiasi espressività comunicativa, per soggetti scelti e didascalia – tentativo di dirci di “amare le nostre curve”. La cosa che mi diverte di più quando ci sono e si propagano alla velocità della luce questi casi di epic fail, sono i risvolti ironici con cui il popolo del web – quello più sagace – fa dell’ironia un’arma tagliente e molto istruttiva per chi ha commesso l’errore madornale di comunicare male ai tempi del WWW. Sotto vi lascio alcuni tweet simpatici, sicura che Zara starà già pensando a come rimediare, intanto il reparto comunicazione si è trincerato dietro un colpevole “no comment”.

 

You Might Also Like...

No Comments

Leave a Reply